ZAZZA “ESTATE DI CITTÀ” È IL SINGOLO CHE CHIUDE IL PROGETTO “ZAZZA CARD” DEL CANTAUTORE GENOVESE

Un inno alla vita dalle sonorità essenziali, intimiste ed acustiche che lancia un messaggio positivista di tenacia e speranza anche nei momenti più bui.

Estate di città” è la canzone che va a chiudere e completare la “Zazza Card”, l’ultimo lavoro dell’artista. Si tratta di un esperimento molto originale che prevede una chiavetta usb a forma di biglietto da visita che Gennaro Esposito in “arte” Zazza ha pubblicato al posto del terzo album. Il suo contenuto comprende oltre a nuovi inediti come “Lungomare”, “Oltre i sogni” e altre canzoni, anche i due cd precedenti “Così” e “L’eredità” più altri video biografia e curiosità.

«Questa canzone è un omaggio, un inno alla vita anche quando sembra finita, per scovare la bellezza e la forza di continuare a vivere anche nei momenti tragici e critici e da quella darsi il colpo di reni per risalire. Estate di città non è da intendersi come un periodo di tempo in un luogo, ma come uno stato d’animo che in questo specifico caso accosta la rabbia causata della perdita di una persona cara (come nel mio caso mia madre) e alla quasi fastidiosa allegria che comunque si ripresenta col passare del tempo». Zazza

Il brano è una produzione Zerocover Genova, una rassegna di cantautori ideata e diretta dallo stesso Zazza dal 2008. Il video è stato girato nella cinquecentesca e bellissima piazza Bonavino a Genova.

«La musica è il mio modo di vedere le cose, il mio approccio per affrontare la vita quando è dura e di godermela quando è dolce, un bisogno come respirare, il sogno? Quello di farci la spesa, magari scrivendo qualcosa per altri interpreti, si fare l’autore è una strada che mi incuriosirebbe molto intraprendere, anche se ormai credo di essere “troppo Zazza” per sviluppare le qualità di autore e saper fare abiti su misura a vari diversi cantanti, ma credo che proprio questo possa essere un punto a mio favore, l’avere una forte entità e quindi se vuoi una canzone diversa, “alla Zazza” solo qui puoi trovarla, ed è qui che mi siedo sul bordo del fiume ad aspettare, vivendo il mio tempo nel miglior modo che conosco, scrivere canzoni». Zazza

Autoproduzione

BIO

Gennaro Esposito in “arte” Zazza classe 1978, cantautore. Premio della critica e della Siae presso il prestigioso Bella Festival 2006. Secondo classificato al Festival internazionale della canzone d’autore.Dopo tanti anni di gavetta e live nei club di quasi tutta Italia ha partecipato a vari importanti festival, premi e rassegne come quello del Mediterraneo, le regionali Arezzo Wave, Emergenza Rock, vince il Sunset Festival Music, secondo al 11 music contest di Roma e così via per anni. Ha aperto i concerti di Gino Paoli, Eugenio Finardi, Le Orme, Sergio Alemanno.

Ha suonato Live a Radio Popolare Milano con Zibba portando all’attenzione nazionale, la rassegna di musica inedita che organizza a Genova dal 2008, Zerocover.

Il suo singolo “Così” che il titolo alla sua opera prima è passato in radio nazionali come Radio uno Rai, tantissimi passaggi di molte altre sue canzoni in radio regionali come ad esempio la radio ligure Radio 19 radio del secolo xix e tantissime altre diverse radio web anche con live set acustici.

La sua opera prima si intitola “Così” vanta collaborazioni di amici musicisti importanti, qui ne ricordiamo solo alcuni, come il pianista jazz Francesco Villani, la corista di Zucchero Sara Grimaldi, il sassofonista Pino Ciccarelli, il contrabbassista Riccardo Barbera, il batterista Saverio Malaspina e così via.

Il secondo album “L’eredità” è il primo lavoro interamente auto prodotto come Zerocover Genova presso lo Zerocover Studio di Genova e regala altrettante gioie soprattutto i preziosi complimenti della famosa cantante jazz Cassandra Wilson direttamente sul canale youtube Zazza(Official) nei commenti sotto la canzone “Non ti Immagini” dedicata alla città di origine de cantautore. Napoli.

L’eredità vanta anche la collaborazione di Nicolò Paoli, figlio di Gino Paoli, che ha curato la regia del videoclip di “La tua gonna al vento” forse una delle canzoni più forti del secondo disco che è uno splendido omaggio alla bellezza. “L’eredità” è un lavoro del 2015 e contiene due tracce scritte dal omonimo nonno Gennaro Esposito, una ninnananna scritta dal nonno per il papà, qui Zazza la reinterpreta alla sua maniera, da qui la scelta del titolo “L’eredità”. Nel 2017 esce la “Zazza Card” l’ultimo originalissimo lavoro di Zazza, un progetto di un supporto fisico del tutto originale e innovativo, una chiavetta usb che contiene tutta la sua discografia e contiene anche canzoni nuove come ad esempio “Oltre i sogni” e “Lungomare” e l’ultima che va a completare questo progetto “Estate di città” più nuove canzoni video e altre sorprese al suo interno. La “Zazza Card” la si può acquistare ai concerti dove Zazza presenta in chiave acustica i suoi brani con il suo trio “ZazzaProJecTrio” Zazza Chitarra e voce, Fabrizio Zingaro al Pianoforte e Massimiliano Martinez al Contrabbasso.

Contatti e social

Fb www.facebook.com/zazza.esposito

Youtube www.youtube.com/channel/UCX3nRGpo4IsUOepgqs8AQdw?view_as=subscriber

La rassegna di cantautori Zerocover Genova: www.facebook.com/zerocover.genova/?ref=br_rs