The Voice of Italy 2016, a febbraio la nuova edizione

Nel corso della presentazione del nuovo palinsesto Rai è stato detto a chiare lettere: The Voice of Italy 2016 ci sarà, la quarta edizione del talent musicale di riferimento della tv pubblica si farà. La nuova edizione andrà in onda a partire dal mese di febbraio. Chi sarà la “voce” del 2016? Bisognerà attendere ancora un po’ per scoprirlo, quel che è certo è che – ancora una volta – protagonista assoluta della nuova edizione del programma sarà sempre e solo la grande musica, italiana e internazionale, con l’alternarsi di brani leggendari e hit contemporanee.

I coach

Sono davvero poche le anticipazioni relative alla nuova edizione del talent musicale Rai. Saranno riconfermati tutti i coach? Unica donna tra i coach, la rossa (la leonessa) Noemi è stata tra le prime ex-concorrenti dei talent a cimentarsi con il ruolo di giurata. La ritroveremo nella prossima stagione? E J-Ax? È certo che il rapper condurrà il nuovo programma della seconda serata di Rai Due: Sorci Verdi. In onda dal 21 settembre, J-Ax sarà conduttore, monologhista, e guiderà gli spettatori fra filmati ironici e ‘politicamente scorretti’. Un programma di satira, musica dal vivo e comicità. Il cantante ha commentato ironicamente: “Spero di far vedere i sorci verdi. Sicuramente li faranno vedere a me, questo già lo so”. E il duo Facchinetti? Papà Roby e Francesco sono stati la grande novità della terza edizione di The Voice of Italy, cosa aspettarsi per il programma 2016? E infine Piero Pelù, il coach rock che vanta ben due podi nelle ultime due edizioni del programma (due secondi posti). Per scoprire quali novità aspettano i fan di The Voice of Italy per il 2016 visita il sito http://www.programmitv.net/, per essere sempre informato sugli orari di programmazione di tutte le tue trasmissioni preferite.

Gli ascolti dell’ultima serata della terza edizione

La terza edizione del programma, rispetto alle precedenti, ha fatto registrare un sensibile calo degli ascolti. Nonostante questo la Rai ha deciso di scommettere nuovamente sul talent. La finale di The Voice of Italy 3, infatti, ha ottenuto 2.556.000 spettatori (13,20 per cento di share) contro 4.100.000 (21,03 per cento) del 2014 (in quella edizione la presenza – e la vittoria – di Suor Cristina Scuccia fu determinante) e 3.346.000 (14,87 per cento) del 2013. Media della terza edizione 2.662.714 (11,88 per cento) contro 3.207.571 (14,13 per cento) della seconda e 3.303.615 (13,74 per cento) della prima.

The Voice of Italy

Il programma, riconfermato per la prossima stagione, è l’adattamento italiano del talent olandese The Voice, ideato da John de Mol e trasmesso in tutto il mondo. Gli aspiranti cantanti si confrontano con una giuria – seduta su poltrone rosse dotate di pulsante rosso – che ascolta le performance di spalle. I coach, in questo modo, non subiscono eventuali condizionamenti legati all’aspetto fisico o alla presenza scenica dei concorrenti. A fare breccia dovrà essere solo ed esclusivamente la voce, l’unico elemento necessario per far premere il pulsante e far girare uno o più coach, consentendo al concorrente di entrare a far parte di una squadra. Tutte le canzoni sono eseguite da un’orchestra live presente in studio. Dopo la formazione delle squadre, i vari membri si cimentano in diverse sfide eliminatorie sino alla finale che porta all’incoronazione della miglior voce d’Italia: Elhaida Dani (per la prima edizione), Suor Cristina (per la seconda) e Fabio Curto (della squadra Facchinetti, per la terza edizione).

Ti potrebbe interessare anche...