RENATO FRANCHI InCanto

Renato Franchi, sempre accompagnato dai fidati compagni di viaggio dell’Orchestrina del suonatore Jones, ci  regala una vera e propria opera d’arte con questo suo nuovo lavoro discografico, dal titolo ‘InCanto’, promosso dall’etichetta L’Atlantide. 

Album contenente ben dieci tracce, che arriva dopo ‘Oggi mi meritavo il mare’, il bellissimo disco realizzato solo un anno fa nel ricordo della sua cara moglie Roberta, fra i primi dieci album della canzone d’autore Indie del 2018.

‘InCanto’ si presenta come un lavoro completo, con stupende ballate dalle sonorità folk-rock, che attingono anche alla musica popolare e chitarre che accompagnano magistralmente gli umori del cantautore. Un nobile progetto, curato con meticolosità in tutti i dettagli sonori, negli arrangiamenti ed anche negli aspetti tecnici e di produzione.

Album intimo e riflessivo, che inneggia all’amore ma affronta anche grandi temi globali, quali l’ecologia e l’immigrazione. Un’esortazione a speranza e bellezza, tra intimismo ed ispirazioni filosofiche e letterarie, lungo il filone dei grandi cantautori quali De Andrè e Tenco, il tutto vissuto attraverso un viaggio stimolante e coinvolgente. Canzoni che vengono dal cuore, un omaggio per chi vuol capire questa epoca fatta di indifferenza, in controtendenza con qualsiasi moda. Vero e proprio inno ad amore, rispetto e dignità, questo lavoro rivendica il diritto a bellezza, speranza e giustizia e lo fa passando per gioia, sofferenza, pianti, risate, scelte, vittorie e sconfitte, senza retorica, riconoscendo anche gli errori di una generazione. Un tributo ed un elogio alla bellezza ma anche a quel dolore che ti fa capire come sia importante avere cura di chi ami e dare un aiuto a chi è meno fortunato di te. Un lavoro che guarda avanti, senza mai dimenticare da dove veniamo ed il bagaglio che portiamo con noi. 

Renato incarna la figura del viaggiatore senza confini, la sentinella di tutti questi sogni che, su di un treno che viaggia lento, ci conduce in luoghi nuovi, facendoci fermare in tutte le stazioni e permettendoci di ammirare panorami e di chiacchierare con gli altri passeggeri. Così è la vita, condividere un pezzo di strada insieme.

Prima Stazione : ‘Anima in Vetrina’

Un sorprendente intro di batteria ad abbracciare il rock puro di amori geometrici, filosofici, enigmatici e caotici, cantati con estrema passione. Un omaggio a volubilità e bellezza del mondo femminile.

Seconda Stazione: ‘Petali d’Amore’

Uno studiato gioco di parole per sottolineare che in amore è fondamentale completarsi a vicenda. Una ballata gioiosa tra violino e chitarra.

Terza Stazione: ‘InCanto’

Title track dell’opera, questa ballata, che sottolineare la bellezza del volersi bene con rispetto, ha un ritmo decisamente piacevole per un testo immediato ma mai banale. Accattivante il riff di violino e chitarra.

Quarta Stazione: ‘Rondini’

Elogio a bellezza e valori autentici, cose vere e semplici, troppo spesso dimenticate in questo tempo frenetico che viviamo. L’eleganza del testo è magistralmente sottolineata dall’uso del violino.

Quinta Stazione: ‘Cuore Matematico’

Uscito in anteprima come singolo, è un brano liberamente tratto dal libro ‘Numeri Imperfetti’ della scrittrice comasca Simona Sigon. Il testo, che gioca con i numeri di un cuore matematico, viene incorniciato ed esaltato da cori e violino.

Sesta Stazione: ‘Istantanee’

Una fotografia dei giorni nostri, che affronta il problema dei migranti. La voce profonda, accompagnata da una dolce melodia, analizza e scandaglia questa piaga sociale e d’un tratto l’integrazione, l’accoglienza e la solidarietà vincono sull’intolleranza. Scritta da Viki Ferrara e cantata con Renato, contiene anche una strofa in francese. 

Settima Stazione: ‘DisIncanto’

Scritta con Sonia Bellin, ripercorre tempo, amori, dolori, gioie, impegno, gioco, incanto e disincanto, plasmandoli per creare ciò che si chiama vita. Richiami di un puro folk-rock, con un riff accattivante. 

Ottava Stazione: ‘Rock Paradise’

Commosso omaggio ad un’epoca gloriosa della musica. Evocazione di un tempo passato, suscitata da quel vecchio vinile, che sprigiona un rock stile sixties, dove il basso è protagonista. Atmosfere colorate, leggerezza, ragazze e tanta musica al Paradise.

Nona Stazione: ‘Salvato’

Traccia doppia, nata anche in versione acustica. Lirica splendida scritta da Sonia Bellin, giornalista e critica musicale, nonché responsabile artistica con Renato di Incanto Music Promotion. Una vera e propria preghiera d’amore, che arriva dal profondo dell’infinito per viaggiare oltre l’eternità. Ballata dolce, diretta, spirituale ed introspettiva ma dal ritmo deciso ed incisivo. Capolinea dei sognatori, questa toccante traccia, conclude egregiamente un lavoro d’impegno, gioia, riflessione e rinascita. 

Un ringraziamento doveroso và ai compagni di viaggio ma soprattutto alla nipotina Stella che ha approvato, dopo un attento ascolto, una per una le tracce dell’album.

‘InCanto’, che canta il disincanto, è un’opera di puro rock d’autore italiano, che ti prende per mano per condurti in un viaggio verso orizzonti di bellezza, accarezzandoti il cuore.

Da ascoltare con la giusta predisposizione mentale, consapevoli e pronti a trovarsi faccia a faccia con l’amore puro!

Stefania Castino

F6CF5807 DA4D 4025 24CF4ECF05930DB0

[Voti: 0   Media: 0/5]
Scroll Up