Matteo Schifanoia in esclusiva racconta del suo nuovo singolo [INTERVISTA]

E’ uscito a marzo “Crisi Rock” il nuovo singolo di Matteo Schifanoia in una versione inedita. Continua il percorso musicale dell’artista perugino, sempre contaminato da diversi generi musicali quali pop rock, canzone d’autore, teatro canzone, black music, latin, etc. con arrangiamenti che rendono ogni traccia unica e mai banale. Crisi Rock viene proposta in una esclusiva versione elettronica, con l’arrangiamento curato da Federico Ortica. Schifanoia è anche attore, sceneggiatore e coregista del video clip realizzato con la fotografia di Andrea Adriani e le riprese e montaggio di Maurizio Solomoni. Vivendo tra diverse città, Matteo Schifanoia ha trovato il tempo di formarsi musicalmente, pubblicare tre libri di poesia ed entrare in stretta simbiosi con il palco. Si esibisce in locali, club, festival e rassegne e ha avuto anche l’onore di aprire concerti di Vasco Brondi,  Nobraino,  Tonino Carotone e Bobo Rondelli. Per via della sua poetica viene definito un cantassurdautore.  Contaminazioni, poesia, ironia, surreale e sonorità che il pubblico potrà gustare nel nuovo singolo.

Quali sono state le influenze musicali di Matteo Schifanoia?
Se mi date una cinquantina di pagine posso provare ad elencarle:). Ho ascoltato ed ascolto tanta musica diversa, però posso dirti che ho amato tanto Paolo Conte, Giorgio Gaber, i due Sergi: Caputo e Gainsbourg; Tom Waits, Leonard Coehn, Frank Zappa, Kraftwerk, Beach Boys, Joao Gilberto, Keith Jarret, per citare alcuni dei grandi.
Crisi Rock è il titolo del tuo nuovo singolo, come nasce il testo della canzone?
L’esigenza è stata quella di raccontare alla mia maniera di cantassurdautore i nostri tempi cercando di trasmettere anche un messaggio di ottimismo.
Un giudizio riguardo i talent?
Trovo interessante che ci siano delle trasmissioni mainstream che parlino di musica e quindi il pubblico può guardarsi queste trasmissioni invece delle continue trasmissioni su cibo e cucina. Quello che non mi piace dei talent è l’estrema spettacolarizzazione che rischia di mettere in secondo piano la musica.
Live in vista dell’estate? 
Ci stiamo lavorando, probabilmente faremo un tour nelle piscine, come sempre all’insegna della grande provocazione.
Dove possiamo trovare il tuo singolo e album?
Sulle più importanti piattaforme digitali come spotify, ma anche soundcloud, il videoclip lo potete trovare su youtube e poi c’è la mia pagina di facebook Matteo Schifanoia ed il mio sito www.matteoschifanoia.com.