Luigi Friotto – Lucernario: visionario EP ispirato agli elementi della natura

LUIGI FRIOTTO PRESENTA “LUCERNARIO”: VISIONARIO EP ISPIRATO AGLI ELEMENTI DELLA NATURA

LUCERNARIO è l’EP del cantautore abruzzese LUIGI FRIOTTO, ispirato e dedicato agli elementi meravigliosi e terribili della Natura ACQUA-FUOCO-TERRA-ARIA, in tutti i negozi digitali dal 20 gennaio 2015 e in radio con il singolo e video di “Santofuoco”

Martedì 20 gennaio 2015 è arrivato in tutti i negozi digitali “LUCERNARIO”, primo visionario EP di cinque canzoni inedite del cantautore abruzzese LUIGI FRIOTTO, prodotto insieme a Lucio Piccirilli e distribuito da Zimbalam, disponibile su iTunes al link https://itunes.apple.com/it/album/lucernario-ep/id955457267

“Luigi è un cultore della parola”, si legge in una recensione della prima ora al breve ma poeticamente denso disco di Friotto. La potenza comunicativa della poesia verbale e musicale del cantautore e pianista originario di Lanciano (Ch), dalla caratteristica vocalità scura, si sprigiona proprio nelle sue “allitterazioni, assonanze, rime che scandiscono e raccontano l’idea della bellezza della semplicità”. Le parole scelte con attenzione rara, in armonia sonora con la natura da musicare, narrare e con cui dialogare, trasformano la poesia in pura luce capace di rompere il tempo del silenzio. Per Luigi Friotto l’uomo stesso si fa così lucernario gettato nel mondo, in equilibrio costantemente precario seppur ancorato a terra, oppure liberamente sospeso nella vertigine dell’aria, o in balia delle onde di un mare spaventoso quanto eccitante, o tra le fiamme di un sacro fuoco che scalda così come brucia. La necessaria e affascinante ambiguità della natura da attraversare, celebrare, temere, ammirare, cantare è il fil rouge che lega le cinque canzoni contenute nell’EP “LUCERNARIO”, e costituisce il cuore del raffinato e visionario cantautorato di Luigi Friotto, dedicato proprio agli elementi della Natura: acqua, terra, fuoco e aria.

Luigi Friotto presenta così il suo breve disco: “Lucernario” vorrebbe essere un inno agli elementi: acqua-fuoco-terra-aria, scritti e celebrati sin dalla Grecia del passato, sopravvissuti fortunatamente ai secoli e arrivati fino a questi giorni decadenti e perplessi. E’ un inno poco solenne però, privo di santificazioni consuete e ridondanti. Gli elementi sanno salvare e sanno rovinare, e lo fanno per natura e necessità e non perché qualcuno debba chiamarli buoni o cattivi. Agli uomini è dato solo di poterli intravvedere come si fa da un lucernario. Gli uomini tutti sono umili lucernari in Terra.

TRACKLIST di “LUCERNARIO”:
01. Il posto dei porti
02. Santofuoco
03. Villana pianura
04. Haiku grosso
05. Silenzi da un temporale (pour mourir)

Ti potrebbe interessare anche...