Intervista a Las Flores Molestas

1) Ciao ragazzi come nasce il progetto musicale Las Flores Molestas?

Il progetto Las Flores Molestas esiste a Padova da ormai 3 anni, nasce sopratutto dalle canzoni scritte dal cantautore chitarrista Federico Ficarra durante la sua permanenza a Berlino. La ha subìto alcuni cambiamenti di formazione anche in virtù del suo spirito particolare berlinese, carnevalesco, trasgressivo e pacifista.

2) Siete una band molto originale ed eclettica, quali sono le vostre ispirazioni?

La nostra ispirazione è la controcultura degli anni 60, il carnevale di New Orleans dove sono diretti i protagonisti del film Easy Rider, le tradizioni dei nativi americani con particolare interesse per il Messico, il pacifismo, l’arte psichedelica, il blues, il rock, il jazz. Per fare qualche nome rimanendo nell’ambito della musica: Chuck Berry, Muddy Waters, Willie Dixon, Beach Boys, Beatles, Louis Armstrong, Charles Mingus, Jelly Roll Morton, Doors, LZ, Rolling Stones, Rino Gaetano, Edoardo Bennato… Ma amiamo anche il gospel, la , la musica classica e , non vogliamo conformarci ad un genere particolare ma piuttosto esplorare e seguire liberamente il nostro flusso creativo.

3) Il vostro singolo di debutto “Rosia Montana” come è stato scritto e di cosa tratta?

La canzone nasce all’interno di una contestazione che si é svolta in varie città del mondo, tra cui Berlino dove é stata composta, contro l’intento di alcune corporations di far saltare in aria la Rosia Montana col fracking (tecnica che prevede l’uso di cianuro ad alta pressione) per estrarre l’oro. Alcune zone limitrofe erano già state aggredite col fracking e questo le ha rese inabitabili; c’è una foto che ritrae una chiesa completamente sommersa dal cianuro utilizzato per estrarre l’oro. Il cianuro proveniva da un lago adiacente che ovviamente ha inquinato tutte le falde acquifere circostanti.
É una canzone di denuncia, che incita ad usare la propria voce per farsi sentire, per far sentire la propria rabbia e l’amore che spinge a ribellarsi. Le manifestazioni sono durate mesi, per il momento Rosia Montana è salva ma l’esito della battaglia dipenderà dalla decisione di dichiararla o meno Patrimonio dell’Unesco.

4) Quanto dobbiamo aspettare per poter sentire un vostro in studio?

Il disco Pissing Around è pronto da tempo, avevamo programmato di fare uscire i singoli My Light Is Gonna Shine entro inizio maggio, At The Station entro luglio e Pissing Around – singolo e – a settembre, tutti e 3 con relativo Videoclip. Adesso in questa triste situazione non sappiamo dire se riusciremo a rispettare le tempistiche. Abbiamo molti altri brani in cantiere, alcuni sono già pronti e in autunno contiamo di poter tornare a registrare.

5)Un saluto al nostro magazine!

Olà Olà Olà mescaleros! Ayayay!