IL NUOVO ALBUM DI RENATO FRANCHI & ORCHESTRINA DEL SUONATORE JONES

cover RENATO FRANCHI OGGI MI MERITAVO IL MARE

Renato Franchi & Orchestrina del Suonatore Jones’ è un gruppo musicale italiano, che si presenta con un set musicale acustico completo, composto da otto elementi:

Renato Franchi – Voce e Chitarre,Marta Franchi – Flauti e Cori,Dan Shim Sara Galasso – Violino,Viky Ferrara – Batteria e Cori,Gianni Colombo – Organo Hammond, Pianoforte e Keyboards,Roberto D’Amico – Basso Elettrico,Jose Carboni – Chitarre Elettriche, Slide Guitar e Mandolino,Gianfranco D’Adda – Percussioni.

La band deve il suo nome ad un brano di Fabrizio De André, a testimonianza della grande passione che i componenti della band nutrono per il precursore della canzone d’autore italiana.

‘Oggi, mi meritavo il mare’ è il loro nuovo album con etichetta Latlantide, un lavoro esemplare del genere Folk Rock – Musica D’Autore.

Sono dodici brani originali, per i quali Renato Franchi ha scritto parole e musica e due tracce (‘Se Mi Guardi Vedi’ e ‘Quando Nascesti Te’) scelte dal repertorio della band, che ha contribuito all’arrangiamento dell’intero album. Dodici tracce dal sound rock blues che si ispirano fortemente alle radici della tradizione e della cultura popolare.

Il nuovo disco ‘Oggi, mi meritavo il mare’ ,si contraddistingue per la cura di un sound che trascina attraverso un’ ipnotica leggerezza accordata da una suadente voce e splendidi accordi che creano un ritmo rilassato.

Un disco che avvolge ed immerge in una ‘meditazione musicale’ fatta di musica e parole, cuore e mente, poesia e note.

Testi poetici percorsi da parole dolci, che evocano immagini attraverso raffinate metafore per esprimere i più profondi sentimenti, sui quali il fulcro è l’amore, che in questo album sfocia anche nel più doloroso aspetto della vita: la perdita. Il tema dominante è infatti il sorriso di Roberta Turconi, moglie di Renato, che è venuta a mancare nel dicembre 2017.

Quando nascesti te’ Renato in questo brano è accompagnato da una voce femminile in una romantica ballata folk rock:

“L’amore è come l’edera che ti si attacca al cuore, così questo mio amore mi si è attaccato a te”.

La tua rosa’ una ballata “Bertoliana”dal sapore estivo accompagnata dal magnifico suono del flauto e del mandolino.

Un testo che è pura poesia:

“Quando la luna ti verrà a cercare trovare, i tuoi ricordi fermi ad spettare

quando le stelle ti fermeranno ad ascoltare, tue dita fragili cesseranno di sanguinare

e se la pioggia dal cielo verrà giù,le lacrime asciugale con i raggi del sole

le ferite rammendare con fili di seta ed amore

le speranza ricamale con due petali di viole…”

Una canzone costruita come una filastrocca, per riscaldare il cuore di un bambino o una ninna nanna con cui cullare e rassicurare il suo sonno.

L’album si chiude con ‘Onde’, traccia di chiusura dell’opera ed unico brano strumentale:

Chitarre, violino, pianoforte, organo ed imponenti archi.

Un brano enfatico e cosparso di una malinconia disarmante come può essere a volte un addio.

‘Onde’si conclude con il rumore del mare, perché siamo proprio di fronte ad esso, risucchiati nella sua infinità e per questo consapevoli della nostra finitezza, in cui le lacrime, che ora si uniscono all’acqua salata, sono anche di gratitudine, perché ciò che rimane non è solo il dolore della perdita, ma anche la gratitudine di quello che abbiamo potuto avere e che ci è stato dato.

Alice Bellin