I concerti di febbraio all’Opera Rock Café di Jerago con Orago (Va)

MILANO – Si susseguono senza sosta i concerti all’Opera Rock Café di Jerago con Orago (Varese), diventato nel giro di pochi anni un punto di riferimento imprescindibile per gli amanti della musica dal vivo. Il locale è gestito da Claudio Conversi, che negli anni Ottanta diresse, a Milano, locali storici quali l’Odissea 2001 e il Rolling Stone. Nelle prossime settimane, sul palco dell’Opera Rock Café si alterneranno, come sempre, formazioni emergenti, artisti affermati e tribute band per un altro mese da vivere all’insegna della buona musica e, soprattutto, del rock (in tutte le sue varianti), senza dimenticare gli altri generi, a cominciare dal blues. Ecco, nel dettaglio, la programmazione di febbraio: in attesa dei concerti, nel music club di via Varesina 58 dalle ore 20 è possibile cenare.

I concerti di febbraio (inizio live ore 21.30, ingresso libero)

Venerdì 2 febbraio
The Blues Drifters
Dario Scagliotti (basso e voce), Alessandro Pegoraro (chitarra), Elia Perboni (batteria): questa formazione nasce a Milano e trova subito nella formula del trio la giusta dinamica per un viaggio leggero e divertente nell’infinito panorama del blues e del rock, da Muddy Waters ai Rolling Stones. Il trio “diversamente giovane” è legato da un filo d’acciaio: la passione. I Blues Drifters sono onnivori, una sorta di juke-box nel quale tuffarsi. La loro “missione per conto di Dio”? Far cadere i freni inibitori, lasciarsi trascinare e godere di una ricetta che prevede, in dosi eguali e massicce, il blues con sfumature swing e il tintinnare di boccali e bicchieri. E ogni serata è diversa, perché «il blues non si scrive, il blues si vive».

Sabato 3 febbraio
TTB – Taverna Thriller Band
Potente ed energica, questa band propone un viaggio a 360 gradi nel rock (dall’hard rock al metal, dal rock’n’roll al punk-rock): il repertorio spazia dagli anni ’70 (Rolling Stones, Black Sabbath, Led Zeppelin…) ai Novanta (Pearl Jam, System of a Down), senza trascurare gli anni ’80 (Iron Maiden, Van Halen, ma non solo).

Venerdì 9 febbraio
Vintage Evolution
Capacità comunicativa e simpatia fuori dal comune, i Vintage Evolution sono un gruppo con un’esperienza consolidata da alcuni decenni. Il repertorio della band è prevalentemente il rock melodico degli anni Sessanta e Settanta.

Sabato 10 febbraio
Gentlemen for a night
Un’esplosione di rock’n’roll e tanto divertimento. Questa band, nata nell’estate del 2015, è formata da giovani musicisti accomunati dalla passione per il rock anni ‘60, che propongono riarrangiato con soluzioni che attingono alle sonorità più moderne. I riferimenti d’obbligo sono Chuck Berry, Beatles, Little Richard, Ray Charles e Stray Cats.

Venerdì 16 febbraio
Zzshock – ZZ Top tribute band
Barbe lunghe, occhiali scuri e cappelli da cowboy, i tre musicisti che formano questo gruppo (tutti della provincia di Varese) ripropongono nei loro live i grandi classici degli ZZ Top, una delle band che ha fatto la storia del rock americano e che ancora oggi calca i palchi di tutto il mondo.

Sabato 17 febbraio
Supernova
Questa cover band esegue pezzi classici e moderni per abbracciare il più possibile il rock nelle sue diverse forme ed evoluzioni. Il tutto esaltato dalla voce calda e graffiante di Virginia Bevilacqua e da un sound potente e coinvolgente. Gli altri componenti del gruppo sono Gerardo Chiatti (chitarra), Marco Robbiati (chitarra), Carlo Radici (basso) e Ermes Trecroci (batteria).
A chiudere in bellezza la serata i fantastici dj by Radio Lupo Solitario.

Venerdì 23 febbraio
The magic Thursday
La band è composta da Andrea (voce solista), Alessandro (batteria), Giuseppe (basso), Claudio (chitarra ritmica e seconda voce) e Guglielmo (chitarra solista) e propone un repertorio basato sul blues e sul rock (inglese, americano e italiano), che spazia dall’inizio degli anni ’50 fino a oggi.

Sabato 24 febbraio
Jean Merech
Compositore, arrangiatore e performer sempre alla ricerca del sound giusto, quello che fa tremare i muri, Jean Merech è una sorta di Paganini della chitarra, che suona come Django Reinhardt, ma non solo. Il repertorio attuale di questo grande musicista comprende, oltre a composizioni originali, una manciata di cover storiche, rivisitate, saltando dal rock al blues (Jimi Hendrix, Gary Moore, ZZ Top, Doors, Eric Clapton, Van Halen, Mister Big, Deep Purple, Chuck Berry).

OPERA ROCK CAFÉ, via Varesina 58, 21040 Jerago con Orago (Va)
Uscita Cavaria dall’autostrada A8; cell. 347-3128604;
mail: [email protected]; www.facebook.com/operarockcafe