Atelier Musicale: il jazz del Gabriele Mitelli quartet nel segno dell’improvvisazione e dei suoni contemporanei sabato 10 novembre alla Camera del Lavoro di Milano

MILANO – Per il quinto appuntamento della stagione, l’Atelier Musicale ospiterà sabato 10 novembre, nell’auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro (inizio concerto ore 17.30; ingresso 10 euro + 5 euro di tessera), un quartetto internazionale nella settimana in cui Milano si veste realmente di jazz grazie al festival JAZZMI: si tratta della formazione guidata da Gabriele Mitelli, particolarmente interessante perché propone una musica attuale, a cui sono estranei i cliché e le prassi storicizzate. Da loro stessi battezzato “Noise Riot”, cioè il rumore della rivolta, il progetto propone una presa di distanza dal risaputo e dai luoghi comuni, per realizzare un viaggio nel cuore dell’improvvisazione intesa come un cammino sull’abisso, un costante mettersi in gioco individuale e collettivo.
Composto da musicisti dalla forte integrità artistica, il quartetto ha il suo fulcro nel trentenne Gabriele Mitelli, una delle più significative voci emergenti della scena italiana che, nonostante la giovane età, ha già suonato con artisti di primo piano nell’ambito del jazz contemporaneo più aperto e fuori dagli schemi, come Markus Stockhausen, Ralph Alessi e Gianluca Petrella.
Allo stesso modo, i suoi partner rappresentano la più avanzata scena del jazz inglese e, dall’alto di una vasta cultura musicale, hanno già collaborato con artisti del calibro di Peter Brotzman, Evan Parker, Sunny Murray, Roscoe Mitchell, Leo Smith e Louis Moholo.
Il concerto di sabato 10 novembre avrà al centro l’improvvisazione e l’interplay intesi nel senso più ampio del termine.

 

Precedente Dancing On The Strings: musiche di frontiera e suoni contemporanei venerdì 26 ottobre all’Astrolabio di Villasanta (Mb) con il duo Hobo e l’ensemble vocale Vox Populi Successivo ELIA: “ACQUA MINERALE” è il nuovo singolo del giovane cantautore di Latina