Intervista a Baba la lead voice degli ANTAlitteram

Ciao Baba, com’è nato il vostro gruppo e il suo nome?

 

Il gruppo è formato da 4 elementi e ognuno di noi proveniva da esperienze diverse . Tre anni fa ci siamo ritrovati come componenti di una formazione rock e dopo un anno di conoscenza abbiamo deciso di creare un nuovo progetto musicale.Per il nome dobbiamo ringraziare Ambra, la figlia del nostro percussionista. ANTA perché siamo tutti sopra gli anta e litteram per dare un’impronta un po’ “intellettuale” al progetto.

 

Parlaci di questo progetto.

 

La nostra idea è stata quella di creare un nuovo progetto musicale in chiave semi-acustica (termine non usuale nell’ambito dei generi musicali), creando un repertorio che consentisse al pubblico di riascoltare pezzi conosciuti, riarrangiati da noi, ma anche brani meno usuali, ripresi dal traditional americano e dalla musica afroamericana.

 

Perché quindi “semi-acustico”?

 

Perché, oltre alla chitarra acustica, abbiamo introdotto la chitarra elettrica che esegue assoli e abbellimenti. Inoltre, non utilizziamo basso e batteria, ma lasciamo che le pulsazioni arrivino dai bonghi e dal cajon.

Insomma, detta con il Barbara-pensiero, se l’acustico porta a pensare a una serata molto soft, il semi-acustico è in grado di creare atmosfere coinvolgenti ma anche di “picchiare duro” quando è il momento di far “battere il piedino” o scatenare la folla!

 

I prossimi appuntamenti con voi dove sono e come potervi contattare sulla rete?

 

Il prossimo appuntamento è il 24 giugno al Contest promuovi la tua musica al Teatro Martinitt di Milano, dove porteremo alla giuria la nostra interpretazione di un traditional americano di fine ottocento e l’altro appuntamento a Luglio rilevante è al Busker’s Festival di Lecco il 22 e 23 luglio. Nel frattempo faremo una puntatina il 13 luglio alla Cascina Martesana di Milano. Su Facebook abbiamo la nostra pagina ANTAlitteram dove si possono visionare foto, video e il nostro calendario concerti.

 

Barbara, l’anima degli ANTAlitteram ,cantante a tutto tondo, si confronta con ogni genere musicale. Si esibisce con molteplici formazioni e calca palchi anche importanti, come il Carroponte di Sesto San Giovanni. E’ diplomata in pianoforte al conservatorio, e fa parte, tra gli altri, anche di un coro gospel dell’area milanese, come voce solista. Una voce profonda dalle particolari vibrazioni.

 

Elio, eclettico chitarrista dotato di grande versatilità. Comincia a suonare fin da giovanissimo, sostiene alcuni esami al conservatorio, affinando le proprie tecniche musicali e si esibisce con diverse formazioni. Negli ANTAlitteram si occupa della parte solista.

 

Mauro, il battito cardiaco del gruppo. Percussionista, batterista, ma all’occorrenza anche polistrumentista.

Mauro suona ogni tipo di strumento e ogni genere di musica. Tra le varie cose, in passato, si è anche occupato di rock rinascimentale, vincendo, a Milano, una prestigiosa manifestazione musicale.

 

Claudio è le fondamenta del gruppo insieme con a sua inseparabile chitarra acustica. Animo creativo,manifesta fin da giovane amore per le arti, prima su tutte la musica, componendo anche pezzi propri. Frequenta concerti, colleziona dischi, libri recensioni e tutto ciò che riguarda l’universo musicale, formandosi gradualmente una apprezzabile cultura. Negli ANTAlitteram si occupa della gran parte degli arrangiamenti.

 

256total visits,1visits today

Precedente Fabio Criseo in radio Che Caldo primo singolo estratto dal cd Avrei voluto essere Lapo Ercane Successivo Non sono raccomandato il nuovo singolo di Thomas Grazioso