Il 9 giugno è uscito il primo album di Trankida “Com’è”

Il cantautore Gabriele Tranchida, in arte semplicemente Trankida,  pubblica il suo primo album “Com’è” disponibile nei digital store dal 9 giugno. Il lavoro registrato all’Alby studio di Modena è stato prodotto artisticamente da  Alex Bagnoli per PALART Records e parla prevalentemente d’amore, di storie che iniziano, finiscono o che vorrebbero iniziare. Modenese, classe 1986, passione per la musica da vendere, inizia da giovanissimo a studiare canto e ad esibirsi nella sua zona. Ora arriva il battesimo del fuoco con il suo primo lavoro ricco di qualità e di spunti interessanti. Conosciamo meglio Trankida tramite alcune domande.

  • Gabriele, come è nato il progetto del disco “Com’è”?

E’ nato esclusivamente grazie all’incontro con Arturo Palumbo, socio unico della “Palart Records”, e alla nostra passione comune.

  • Quanto c’è di autobiografico nel disco?

E’ interamente autobiografico. ci tengo molto a scrivere di cio’ che vivo personalmente.

  • Hai maturato negli anni la consapevolezza di voler seguire lo stile americano, a quali artisti ti sei maggiormente ispirato?

Ce ne sarebbero tanti e con generi diversi ma, per citarne solo alcuni:

Stevie Wonder, Michael Jackson, George Benson..

  • Con chi vorresti collaborare?

Mi e’ difficile dirlo. ci sono troppi artisti che apprezzo e con ognuno varrebbe la pena collaborare..

  • Hai “subito” influenze della musica funky, della musica soul e del pop classico… in quale ambito ti rispecchi di più?

Sicuramente funky, soul e r&b. devono esserci tutti!

  • Qual è il filo conduttore del tuo disco e della tua musica ad oggi?

l’amore. Non si sbaglia..

  • A quando un live per promuovere il tuo lavoro?

Chi volesse essere aggiornato, potra’ visitare il sito internet: WWW.TRANKIDA.IT o la pagina facebook, scrivendo “trankida”.

 

Un altro giovane talento di cui sentiremo sicuramente parlare. Aspettando un live per vederlo sul palco e per poterlo applaudire dal vivo.

 

 

Francesca De Carolis

 

 

98total visits,1visits today

Precedente L’Uomo Gatto con “Samba”. Il remake di un brano di Don Backy Successivo VALLANZASKA “QUANDO È GATTA”