Bertasio Gibellini Zunino Trio 11 giugno ore 17.30 Museo della Carta Toscolano Maderno Brescia

Domenica 11 giugno al “Museo della Carta (Via Valle delle Cartiere Toscolano Maderno – Brescia) alle ore 17.30 si esibirà il trio formato da Sergio Bertasio al mandolino, Sandro Gibellini alla chitarra e Aldo Zunino al contrabbasso. Tre musicisti di lungo corso, tre artisti di grandissima esperienza con alle spalle un’intensa attività e che presentano per l’occasione brani della tradizione jazzistica totalmente riarrangiati per questa originale formazione.

Sergio Bertasio si appassiona alla musica e Inizia lo studio della chitarra classica sin da giovanissimo con Alessandro Guastoldi. Diplomato in chitarra al Conservatorio di Musica C. Pollini di Padova, continua i suoi studi in Italia con grandi artisti tra cui Ruggero Chiesa, Oscar Ghiglia, Alirio Diaz e successivamente a Parigi con Alberto Ponce. Contemporaneamente si dedica allo studio del mandolino barocco con Ugo Ortandi. Direttore dell’Accademia Musicale di Salò dal 1987 al 1998, nel 2013 registra alcune “Suite” di J.S, Bach e lavora alla musica brasiliana per mandolino di Jacob de Mandolim. Attualmente si divide tra attività concertistica e insegnamento nella sua città natale.

Sandro Gibellini Dopo le prime esperienze legate al rock e al blues, Sandro Gibellini si dedica prevalentemente al jazz. Frequenta il Centro Studi Musicali di Nino Donzelli a Cremona nel 1979 e nello stesso anno iniziano le sue prime esperienze jazzistiche. Nel 1983 è al festival di Zagabria con Francesca Oliveri, e a partire dallo stesso anno suona con musicisti americani di passaggio in Italia. Dall’84 al ’91 fa parte della big band della RAI di Milano, a fianco di jazzisti come Gianluigi Trovesi, Sergio Fanni, Leandro Prete ed altri. Nell’86 suona in Francia con Dado Moroni, Jimmy Woodie e Alvin Queen. Entra poi nel quartetto di Tullio De Piscopo col quale partecipa ai festival jazz di Sanremo e di Roma e ad Umbria Jazz. Nel ’90 entra nella “Keptorchestra”, informale quanto prestigiosa big band capitanata da Pietro e Marcello Tonolo. Nel ’95 suona con Gerry Mulligan e nel ’96 esce “La Banda Disegnata” col proprio settetto. Nel gennaio ’97 è stato invitato al “Midem” di Cannes a rappresentare l’Italia in un meeting tra i migliori chitarristi europei. È negli Stati Uniti nel marzo 2000, suona a New York e a Durham nel North Carolina International Jazz Festival. Nel dicembre dello stesso anno viene invitato, al festival internazionale di jazz dell’Avana (Cuba). Nel campo della musica leggera ha lavorato con Bruno Lauzi, Fabio Concato e ha suonato in diversi dischi di Mina. È stato membro fisso dell’orchestra della musica leggera della RAI di Milano dal 1984 al 1999.

Aldo Zunino è una delle colonne portanti del jazz italiano, un contrabbassista stimato e acclamato in patria come all’estero con una carriera ultra trentennale. Musicista completo, dal fraseggio impeccabile, Zunino è da sempre distinguibile per il timbro meraviglioso del suo strumento, che ama suonare dovunque senza alcuna amplificazione. Le sue collaborazioni sono molteplici e blasonate: Benny Golson, Art Farmer, Jimmy Cobb, Tommy Flanagan, Joe Chambers, Gary Bartz, Harry Sweets Edison, Calrk Tery, Ben Rilley, Kenny Burrel, Lester Bowie, Cedar Walton, Tony Scott, Nat Adderley, solo per citarne alcune. Zunino affianca, alla incessante attività live, anche l’attività didattica con corsi e master class in tutta Italia oltre ad essere uno degli insegnanti che partecipano stabilmente al “Bobby Durham’s Jazz Camp” che si tiene ogni anno a Isola del Cantone (Genova).

 

Ufficio stampa Aldo Zunino: Top1 Communication

Referente: Stefania Schintu +39 347 0082416

[email protected]

 

274total visits,1visits today

Precedente I WeFly in rotazione radiofonica con il nuovo singolo Una Canzone Fantastica Successivo FLAVIO BOLTRO ANDREA POZZA DUO Domenica 11 giugno ore 21.30 Piacenza Jazz Club