Andrea Tarquini in concerto da “O chi o a cà toa”a Fezzano di Portovenere. Domenica 9 luglio ore 20.00

Domenica 9 luglio, nuovo appuntamento con le serate di “Incontri d’autore” con degustazione al ristorante “O chi o a cà toa” di Fezzano (Via Paita 6, Porto Venere, SP, Menu degustazione a Km zero e concerto €35,00). Protagonista il cantautore Andrea Tarquini.

Il Circolo enogastronomico “O Chi o a Cà Toa” si trova a due passi dal mare, nello splendido Golfo dei Poeti, a Fezzano, nel comune di Portovenere. La cucina è contraddistinta dalla fantasia e dall’estetica dei piatti dove è il mare a farla da padrone.
Un luogo ideale di ritrovo e di scambio culturale dove si ha il tempo per i rapporti umani e la possibilità di ascoltare una programmazione musicale del tutto originale. Un “Luogo di Resistenza Artistica” dove rispetto per le idee e libertà di espressione artistica sono il dogma.

Quarantenne, romano, Andrea Tarquini chitarrista acustico e cantante, esordisce intorno ai vent’anni sui palchi di mezza Italia (incluso il celebre e prestigioso Folkstudio di Roma) grazie alla collaborazione con il suo maestro e amico, Stefano Rosso che lo avvia allo studio della chitarra Fingerpicking.
Sono i cosiddetti anni formativi, nei quali pian piano Tarquini impara il mestiere. Poco più tardi, ormai trentenne, quando la collaborazione con Rosso si era esaurita, AT focalizza la sua attenzione verso i generi musicali più acustici; dal cantautorato alla musica tradizionale USA, fino allo swing manouche, e alle tecniche del flatpicking e del fingerpicking.
Sono anni nei quali Andrea Tarquini frequenta la scena musicale acustica e bluegrass romana. Un gruppone di musicisti che da anni si ritrova periodicamente in un pub per fare delle jam session alla maniera dei musicisti americani. Questa esperienza, ricorda Andrea Tarquini, è stata fondamentale per imparare a suonare “piano e forte”, a seconda di quello che la musica richiede e per imparare a suonare con gli altri.
È proprio grazie al gruppo di “bluegrassari” romani che inizia una collaborazione con Luigi “Grechi” De Gregori, fratello maggiore del più celebre Francesco ed autore della famosissima “Il Bandito e il Campione”. Un rapporto artistico e di amicizia che dura ancora oggi.
Nei primi anni del nuovo secolo Andrea Tarquini si trova a suonare con diverse band di musica acustica di tipo nordamericano e nel 2008 si trasferisce a Milano dove forma la Hot Dawg Acoustic Band, una band di jazz acustico con chitarra, violino, mandolino e contrabbasso, successivamente sempre a Milano, sotto la guida del maestro Dino Brentali, inizia lo studio dello Speech Level Singing, metodo di canto naturale inventato da Seth Riggs e poi adottato da grandi star della musica come M. Jackson e S. Wonder.
Nel 2009 insieme ad Edoardo Martinez al mandolino, apre l’edizione annuale del prestigioso International Acoustic Guitar Meeting di Sarzana, celebrando appunto la scomparsa di Stefano Rosso avvenuta pochi mesi prima.
Dal 2009 inizia una intensa attività didattica legata alla chitarra acustica e formando un nutrito gruppo di allievi.
Nel 2012 grazie all’amicizia e a lunghi scambi di idee con Luigi “Grechi” De Gregori e con Paolo Giovenchi (chitarrista di Francesco De Gregori e produttore), inizia a prendere forma il progetto di realizzare un disco che rendesse omaggio a Stefano Rosso con brani cantati e suonati da Andrea Tarquini. Il disco viene realizzato principalmente a Roma tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013 e vede la partecipazione di numerosi musicisti di grande talento e fama trai quali Beppe Gambetta, bandiera italiana della chitarra acustica nel mondo, Luca Velotti clarinettista di Paolo Conte, Carlo Aonzo mandolinista, Daniele Gregolin, Anchise Bolchi, per anni violinista di Ligabue, lo stesso Luigi “Grechi” De Gregori che canta nel brano d’apertura del disco, e infine la produzione “firmata” da Paolo Giovenchi, ma i credits sarebbero troppi da elencare.
REDS! Canzoni di Stefano Rosso, vede la luce l’11 giugno 2013 (Self / Believe Digital) e si classificherà terzo finalista alle Targhe Tenco 2013 nella categoria Interpreti.
Nel 2014 grazie ai buoni risultati di critica e di pubblico ricevuti dal disco, la prestigiosa casa di liuteria di chitarre acustiche nordamericane Bourgeois tributa ad Andrea Tarquini una chitarra signature, per questo Andrea diventa il primo cantautore chitarrista italiano ad entrare nel gruppo di endorsers di questo importante marchio.
Dopo due anni e mezzo di scrittura “e riscrittura”… alla fine del 2015 è finalmente pronto un pugno di canzoni scritte da Andrea Tarquini, questa volta la produzione viene affidata ad Anchise Bolchi, amico di vecchissima data. Anche se in questa nuova produzione figurano alcuni prestigiosi ospiti come Marco Remondini al violoncello, Gianluca Tagliavini all’organo Hammond, Emi Vernizzi al sassofono, etc…..un’altra grossa differenza rispetto al precedente progetto discografico, sta proprio nella decisione di affidarsi ai musicisti con i quali Tarquini è solito suonare, primi tra tutti Rino Garzia al basso elettrico e al contrabbasso, Paolo Monesi al mandolino, alla fisarmonica, all’octave mandolin, lo stesso Anchise Bolchi e molti altri. Si tratta di un pugno di canzoni che raccontano la generazione dei quarantenni italiani e le loro problematiche. Questo nuovo lavoro si intitola DISCO ROTTO, è stato registrato tra marzo e maggio 2016, tra Milano e Rivarolo Mantovano e la sua presenza negli stores fisici e digitali è iniziata a luglio 2016.
DISCO ROTTO è arrivato finalista alle Targhe Tenco 2016 nella sezione “Miglior Opera Prima”.
Andrea Tarquini è rientrato tra gli otto finalisti al Premio Bindi 2017. La finale è prevista per l’8 luglio 2017.

Lo Chef
Giorgio Angelini è un oste vulcanico ed appassionato, che si è dato l’obbiettivo di fare innamorare della cucina i suoi avventori. Un maestro negli abbinamenti coraggiosi e affascinanti, vi accoglie con gentilezza e desiderio di farvi scoprire i segreti della sua sapienza culinaria, che spiega con entusiasmo. Lo conoscerete come uno chef, lo saluterete come un amico. Un uomo fuori dagli schemi, che sa coniugare tradizione e sperimentazione esaltando il gusto, per regalarvi una serata che non ha eguali altrove, e di cui non saprete più fare a meno!

O chi o a cà toa
Via Paita 6, Fezzano di Portovenere (SP)
info e prenotazioni anche via sms: 3284688876
In fase di prenotazione avvisare per intolleranze alimentari o per menu vegetariano o menu bimbi o personalizzato.
Per problemi di linea telefonica purtroppo non possono essere accettate carte di credito e/o bancomat.

Top1 Communication Ufficio stampa
e-mail: [email protected]

197total visits,1visits today